Skip to main content
Global Product Manager for Servers & Storage

10 cose da sapere per la scelta di un server

Luglio 1, 2015
 

Quando ricevo una chiamata relativa ai server, per prima cosa mi informo sull'infrastruttura del cliente e su quale OEM è stata standardizzata. Vogliamo ottenere la maggiore quantità di informazioni possibile, per avere la certezza di fornire al cliente la soluzione più economica.

  1. La vostra azienda è stata standardizzata in base a un OEM?
  2. Quali e quanti tipi di applicazioni intendete eseguire?
  3. Di quali e quanti tipi di processori avete bisogno?
  4. Il server verrà utilizzato per la virtualizzazione?
  5. Quali e quanti tipi di porte per switch dovrà supportare il server?
  6. È più importante è la velocità o il numero di core della CPU? O sono importanti entrambi?
  7. Informazioni sulla gestibilità. Avete esigenze di accesso remoto?
  8. Di quale tipo di connettività avete bisogno: 1GbE, 10GbE, 10Gb SFP+ o FC?
  9. Di quanta memoria avete bisogno?
  10. Quali sono le vostre esigenze di potenza reali?

La scelta del server dipende completamente dalle applicazioni che intendete eseguire, e tali applicazioni sono in genere molto esigenti in termini di spazio di stoccaggio e memoria utilizzata. Se non disponete dell'hardware appropriato per suopportare le applicazioni, potreste avere problemi di latenza, errori e, peggio ancora, downtime.

Per i requisiti hardware da rispettare, occorre sempre fare riferimento all'OEM che ha generato l’applicazione. Per le aziende che utilizzano numerose applicazioni (ovvero file, e-mail, CRM e database), è necessario un server tower, rack o blade, potente e affidabile.

Per quanto riguarda i processori, occorre considerare l'applicazione utilizzata. Nella maggior parte dei casi, l'applicazione richiede un tipo specifico di processore, con determinate caratteristiche legate alla velocità. Si dovrebbe evitare di acquistare un processore troppo potente, per evitare spese inutili. Nel peggior dei casi, rischiereste di acquistare un processore che non è sia in grado di bilanciare il server, e che inevitabilmente provocherebbe ingorghi.

Inoltre, e’ noto che spesso i clienti ordinino troppi server per poi scoprire che lo switch in uso non dispone di porte sufficienti per collegarli. Ricordate di effettuare un conteggio delle porte libere nella rete esistente, per determinare se è necessario acquistare un altro switch al fine di opportare la nuova implementazione di server.

Per quanto riguarda la memoria, dovrebbe essere la piu elevata possibile sin dall’inizio. Cio’ rappresenta certamente un costo piu elevato di quello di una memoria dimensionata ai bisogni iniziali della piattaforma, ma bisogna considerare che presenta il vantaggio di non dovere disconnettere la rete per installare e massimizzare la memoria sul server, in una secondoa fase del progetto. È dunque piu’ vantaggioso massimizzare subito la memoria del server per evitare i problemi che derivano dalla disconnessione della rete.

Infine, calcolate il consumo energetico del server, per ottenere un'alimentazione adeguata. Il consumo, o piuttosto il risparmio di energia, costituisce un argomento d’attualita’ in qualsiasi ambiente. Considerate che il server puo’ consumare molta energia, a seconda dei componenti installati. Esaminate il consumo energetico di ogni singolo componente e scegliete solo quelli necessari nel vostro ambiente.

Share this article