Skip to main content
Vice President, Services Sales

Siete pronti per il prossimo punto di svolta del settore?

Giugno 23, 2016
Siete pronti per il prossimo punto di svolta del settore?

La recente scomparsa di Andy Grove, uno dei pionieri del nostro settore, oltre che ex presidente e CEO di Intel, mi ha indotto a riflettere sui numerosi punti di inflessione che hanno rivoluzionato il panorama tecnologico. Durante il suo mandato in Intel, Grove ha enormemente contribuito a determinare l'orientamento del segmento personal computer. E ha chiaramente previsto con largo anticipo l'enorme impatto di Internet.

Come lui stesso ha spiegato molte volte, i punti di inflessione nel percorso di un'azienda o una tecnologia si presentano quando si verifica un cambiamento radicale nei fondamentali ed emergono nuove opportunità. Grove aveva un'incredibile capacità di cogliere i primi segnali dei cambiamenti più importanti e di reagire in modo rapido ed efficace per portare le cose a quel “nuovo livello” di cui oggi tutti parlano.

Durante la mia carriera in HP, Dell e ora Curvature, ho avuto la fortuna di prevedere alcuni importanti cambiamenti nel settore tecnologie. Ho iniziato a lavorare per HP negli anni '80, quando la stagione dei mainframe cominciava a tramontare e all'orizzonte iniziavano ad affacciarsi gli standard aperti.

Ho intuito che ci trovavamo di fronte a un importante punto di svolta, perché dai sistemi proprietari le aziende cominciavano a passare a quelli più aperti, in particolare Unix. La reazione rapida e decisa a questa intuizione ha portato all'introduzione del prodotto di maggior successo in tutta la storia di HP.

In seguito, lavorando per Dell, mi sono trovata di fronte a un altro punto di inflessione e ho condotto l'azienda a fare il suo ingresso trionfale nel segmento workstation. Il mio motto "Le prestazioni di Sun al prezzo di Dell" ha consentito alla compagnia di mettere a segno vendite per 1 miliardo di dollari in un tempo record dai tempi della sua fondazione.

Ma la capacità di sfruttare i punti di inflessione non è un'esclusiva delle grandi imprese. Quando nel 1993 Microsoft ha rilasciato Windows NT ho riconosciuto l'opportunità, e in qualità di dirigente di una nuova startup ho contribuito a lanciare un prodotto che sfruttava le caratteristiche di quella nuova piattaforma. Trovandoci nel posto giusto al momento giusto, e facendo le scelte giuste, siamo riusciti a portare il fatturato oltre quota 100 milioni di dollari.

Essendo sempre stata naturalmente portata ad anticipare i grandi cambiamenti nell'orizzonte tecnologico, era ansiosa di esplorare le nuove dinamiche che stavano prendendo piede a livello globale negli ambienti di data center e di rete delle organizzazioni. Ho così scoperto un certo malcontento tra i clienti, sempre più stanchi e diffidenti nei confronti dei cicli di aggiornamento e upgrade delle apparecchiature imposti dagli OEM.

E ho notato che in tutto il mondo le aziende invocavano opzioni di approvvigionamento e supporto più appropriate, mentre gli OEM continuavano a restare arroccati sulle proprie rendite di posizione. Prevedendo un altro importante punto di inflessione, ho svolto alcune ricerche e ho scoperto Curvature, un'azienda che si distingueva nettamente dagli altri provider di soluzioni per la sua capacità di fornire servizi di supporto flessibili e adattabili.

Parallelamente ho notato una sempre crescente diffusione dei servizi di manutenzione indipendente, offerti da aziende di ogni dimensione attive in ogni punto del mondo. Desiderosa com'ero di prendere parte a questo nuovo punto di inflessione, sono passata a Curvature per contribuire a traghettare il team incaricato di vendere i servizi a livello globale e migliaia di clienti verso la nuova trasformazione del concetto di manutenzione.

Il volano alla base di questo nuovo punto di inflessione è semplice: le aziende vogliono riprendere il controllo del proprio ambiente IT. Sfortunatamente, il passaggio ai servizi di manutenzione e supporto indipendenti può essere complicato e complesso. Ed è proprio qui che entriamo in gioco noi. Da quasi 10 anni le aziende di tutto il mondo scelgono Curvature NetSure per il supporto dei dispositivi critici di marca Cisco, HP, Sun, IBM, Dell, EMC e NetApp.

I nostri progressi sono notevoli, come recentemente confermato dalla pubblicazione del primo report sul panorama competitivo in area servizi di manutenzione indipendente (TPM, third-party maintenance) di Gartner. Curvature è stata inclusa fra i "Top Performer" nella categoria "Network". È evidente che i servizi TPM stanno facendo tendenza, sono entusiasta delle prospettive e dei molteplici vantaggi che questo nuovo punto di inflessione sta producendo.

In un recente sondaggio globale condotto da Dimensional Research fra 500 responsabili delle decisioni IT, e sponsorizzato da Curvature, il 60% dei rispondenti ha dichiarato di ricorrere già a servizi di manutenzione indipendente. E soprattutto, il 90% degli intervistati scorge evidenti vantaggi in termini di riduzione dei costi e dei rischi, e maggiore flessibilità.

Io prevedo che nei prossimi anni questo nuovo punto di inflessione avrà ricadute su ogni tipo di azienda. E voi cosa ne pensate? Siete pronti ad affrontare il cambiamento? Se strada facendo avrete bisogno di indicazioni, contattatemi all'indirizzo lyork@curvature.com.

Share this article